Al bando la plastica: la rivoluzione plastic free è in atto.

Sappiamo tutti come negli ultimi anni la lotta alla plastica sia diventata oggetto di acceso dibattito mediatico e politico. Il tema della plastica è ormai uno degli argomenti all’ordine del giorno su social, media tradizionali e stampa, insieme alle parole chiave del futuro: riduzione, recupero, riciclo, rigenerazione e riuso

Centinaia sono anche le iniziative nate per l’eliminazione delle plastiche usa e getta da spiagge, luoghi pubblici, uffici e aziende, con capofila il Ministero dell’Ambiente, che ha lanciato una vera e propria challenge #plasticfree, eliminando tutte le plastiche dai propri uffici.

L’Europa si batte da tempo alla ricerca di soluzioni innovative affinché questo materiale esaurisca la sua presenza nei prodotti utilizzati quotidianamente dall’uomo. In particolare, è dalla fine del 2018 che diverse regioni italiane sono impegnate nella ricerca di una risoluzione definitiva al problema della dispersione della plastica, dopo i dati allarmanti degli ultimi anni degli oltre 8 milioni di tonnellate di rifiuti riversati negli oceani.

Una delle principali soluzioni proposte dal governo è stata l’installazione di dispense di acqua alla spina, che ha ricevuto centinaia di adesioni da parte di comuni, regioni, università, prefetture, associazioni, catene di supermercati.

casetta acqua maya

Ridurre la plastica dal proprio luogo di lavoro porta numerosi vantaggi non solo in termini ambientali ed economici, con risparmi tangibili che incidono sul saving aziendale del medio periodo, ma anche di attrattività del proprio brand, grazie alla trasmissione di importanti valori legati alla sostenibilità e all’impatto ambientale.

Un’azienda davvero attenta a questi temi può implementare al suo interno senza alcuna difficoltà progetti plastic free finalizzati ad avvicinare nuovi consumatori e clienti, mostrando azioni effettive e reali di rispetto per l’ambiente.  

Come? 

Innanzitutto occorre considerare che adottare un nuovo paradigma comportamentale sul luogo di lavoro passa sempre dalla sensibilizzazione di dipendenti e colleghi. L’organizzazione di eventi aziendali di formazione può essere, dunque, un fattore coadiuvante fondamentale per il raggiungimento di questo obiettivo, in quanto spesso i momenti di convivialità diventano situazioni in cui le persone si scambiano idee sul problema della plastica.

Successivamente, senza dimenticare l’importanza della raccolta differenziata, ultimo step fondamentale per raggiungere l’obiettivo di un posto di lavoro privo di plastica, il passo da compiere per rendere un’azienda priva di plastica è quello di eliminare le bottigliette d’acqua dai distributori e promuovere l’utilizzo di borracce termiche in acciaio inossidabile riutilizzabili all’infinito.

borracce acqua maya

Dopodichè, occorre dotare gli spazi lavorativi di soluzioni per il riempimento di queste pratiche borracce con acqua pura, sana, fresca e, perchè no, anche frizzante.

Qual è la soluzione d’eccellenza? Naturalmente l’installazione di un sistema di erogatori collegati alla rete idrica. Attenzione che, sebbene possa sembrare ovvio, non è invece così scontato pensarci, poichè alcune aziende non considerano il rubinetto come una risorsa utile per l’approvvigionamento delle proprie risorse idriche.

E tu hai già adottato un progetto plastic free per la tua azienda o per il tuo ufficio?

Per questo c’è Acqua Maya: acqua buona da bere, sempre fresca, anche frizzante, illimitata per te, i tuoi colleghi e i tuoi clienti.

Gli impianti Maya sono un’ottima alternativa ai distributori automatici di bottigliette di plastica e proprio per questa ragione, già numerose aziende hanno scelto Maya per creare zone di ristoro del personale e accoglienza clienti.

Scopri i sistemi per filtrare l’acqua nel tuo ufficio o nella tua azienda, richiedici un preventivo gratuito e ti offriremo la soluzione più adatta alle tue esigenze!

Non perdere le nostre promozioni!

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato su tutte le ultime news e le nostre offerte esclusive.

Pin It on Pinterest

Condividi